FootGolf World Cup Argentina 2016 -Day 1-

footgolf_worldcup16
Era atteso da molti, giocatori e non, l’inizio di questo Mondiale argentino, il 2° nella breve storia del FootGolf.
230 partecipanti suddivisi in 33 nazionali, al Golf Club Pilar assisteremo ad un Mondiale che rimarrà impresso a molti, senza nulla togliere al Mondiale disputatosi a Kisoroszi in Ungheria nel 2012, che ha visto trionfare Bela Lengyel nella categoria individuale e l’Ungheria tra le nazioni; in quell’occasione l’Italia era rappresentata da Leonardo Decaria,Manuele Migliardi e Mirko Mori.
Ungheria quindi da annoverare di diritto tra i team favoriti con Lengyel pronto a difendere il titolo, senza ovviamente dimenticare i padroni di casa argentini,l’Olanda di Bulk,Kuipers,Peepers e Van Bracht e l’Inghilterra guidata da Iron e Oliver che han dominato nel circuito European FootGolf Trophy Tour. L’Italia è sicuramente da considerare tra le outsiders di livello alla pari di Svizzera e Usa.
Ma passiamo ora al racconto di questa lunga giornata per i ragazzi del Team Italia, iniziata in Argentina alle 8 circa del mattino(mezzogiorno in Italia) e terminata 12 ore più tardi .
Il primo italiano a scendere in campo è Marco Esposito, inserito in gruppo con il messicano Tomás Martinez,l’olandese Matthijs Voost e l’americano Jorge Barragan.L’emozione lo tradisce alla prima buca dove un bogey lo porta +1, ma superato il primo ostacolo Marco inanella una buona serie realizzando tre birdie, un bogey e un doppio bogey, nelle restanti buche raggiunge il par, per un risultato finale con un colpo sopra il par.
Alle 9:44 è la volta di Marco Caverzan sorteggiato in gruppo con Ryann Smith (UK),Roberto Romm(Mex) e Thomas Biegel(Ger).La pressione per Marco Caverzan è molta, giocare un mondiale da Campione Italiano non deve essere facile,ma nonostante 4 bogey,Marco riaddrizza la sua gara con 2 birdie e restando sul par nelle buche rimanenti conclude a +2.
Nel Flight 20 è il turno di Giovanni Spada che si gioca le sue carte in gruppo con gli olandesi Collin Green e Jim Kuipers e il norvegese Lasse Eriksen.La gara di Giovanni è su ottimi livelli per 8 buche, dove raccoglie due birdie, ma tra la buca 9 e la buca 12 c’è un blackout con due doppi bogey e un triplo bogey, ma l’esperienza lo riporta in carreggiata e con due birdie nelle buche finali chiude a +4.
Ottima la gara di Valerio De Pascale, che si fa valere nel gruppo con lo svizzero Nicholas Charles e gli irlandesi Aaron Connolly e Kevin Heelan.Valerio è il primo italiano di giornata ad andare sotto il par, per alcuni momenti il livescoring lo segnalava in prima posizione grazie anche ad un albatros alla buca 3(alla buca 15 il suo risultato era -3) ma purtroppo due bogey nelle ultime 3 buche fissano il suo risultato a -1.
Alle 10:48 tocca ad Alessandro Cappelletto, i suoi compagni di gioco sono  gli olandesi Herman van Eekeres e Simon Wetzel e l’argentino Fernando Barberis.La gara di Alessandro è sulla stessa lunghezza d’onda di De Pascale, ma a differenza del romano due doppi bogey nelle buche finali gli impediscono di restare sotto il par, per un risultato finale di +3.
Il Flight 27 porta in campo Marco Trentin insieme ai tedeschi Wolfgang Benzel e Robin Schölch e Sergio Vázquez.Anche Marco segue il trend dei suoi due precedenti compagni di squadra, ma la maledizione delle ultime buche colpisce anche lui, prima un quadruplo bogey,poi un triplo ed un doppio bogey, ma grazie ai 6 birdie realizzati il suo score finale si ferma a +5.
Sotto il sole argentino di mezzogiorno è il momento di Jury Piovesan insieme a Marc Cowell(Gbr),Alejandro Cruz(Mex) e Ludovic Gaumy(Fra).Ma nonostante il caldo, Jury sfodera una buona prova realizzando 4 birdie, due soli errori (buca 1 doppio bogey e buca 11 triplo bogey) che fermano il suo risultato a +2.
La seconda presenza al Mondiale per Leonardo Decaria inizia inizia in gruppo con Mauricio Leguizamon(Par),Leonardo Fernández(Aus) e Simon Larsen(Nor).Come per Piovesan e per i prossimi italiani in gioco la sua gara sarà caratterizzata dal gran caldo e dal vento, e il suo score finale è +6.
Nel flight 36 è inserito il bresciano Ennio Singia con il favorito Christian Otero(Arg),Hankó Péter(Hun) e Ryan Mahoney(Usa).Per Ennio è stata una giornata no(+10 risultato finale),tanti bogey che cancellano quanto di buono raccimolato con quei 4 birdie,che indicano che comunque il piede c’è come la voglia di riscattarsi nei prossimi turni di gioco.
Salvatore Costantino e Giampietro Spader sono inseriti nello stesso gruppo dove si sono confrontati con Gábor Varga(Hun) e Marcelo Kawarowski(Bra).Gara senza squilli per Salvatore tanti par e 5 bogey che determinano il +5 finale, mentre tanti su e giù hanno caratterizzato il percorso di Giampietro che inizia bene con 2 birdie,poi viene il difficile con ben 9 colpi persi tra la buca 9 e 14, e poi un buon finale con 2 birdie che gli valgono il +10 definitivo.
Nel gruppo successivo gioca Marco Pavan, con György Podusil(Hun),Ricky Lahart(Irl) e Mikey Downey(Gbr).Per Marco una gara strepitosa condita da 2 albatros e 3 birdie, con il solo rammarico del doppio bogey alla buca 16,per un -2,che fino a quel momento è stato il miglior risultato tra gli italiani.
Il gruppo 43 vede impegnato Luca Taliercio con Gary Mullin(Irl),Karl May (Gbr) e il giapponese Masaru Kimura.Per Luca una gara condizionata dall’emozione,sentimento difficile da controllare soprattutto se ti stai giocando un mondiale, e il suo score recita 3 birdie,6 par,6 bogey e 3 doppi bogey per il +9 finale.
Ancora 3 italiani in gara, due sono impegnati nello stesso gruppo,parliamo di Flavio Brescacin e Ivan Camerin sorteggiati con Lucas Mendive(Arg) e Kashihara Atsuhiro (Jap).In questo gruppo l’anima FG Treviso viene fuori in grande stile, si gioca fino alla buca 15, con il calare del sole cala anche la visibilità e l’organizzazione sospende la gara.Ma fino a quel momento Ivan si è portato a -2(dato ancora da confermare), mentre Flavio gioca alla grande portandosi addirittura a -7 alla pari del campione argentino Otero capoclassifica di giornata.Con 3 buche ancora da giocare gli score definitivi possono ancora cambiare,ma ci sono buone sensazioni nel recupero di domani(oggi per chi legge).
Il flight 53 che vedeva impegnato il capitano del Team Italia Marco Caricato (con l’ungherese Robert Tajtyi,l’australiano Joe Scibilia e l’argentino Alejo Mendive) ha subito lo stop per oscurità alla buca 10 quando Marco si trovava momentaneamente sul +2.
La classifica generale vede al comando come già detto Otero e momentaneamente Brescacin entrambi a -7,segue a -6 l’argentino Braccani.Sono in tre invece ad occupare la 4° posizione con -5, l’olandese Green però è l’unico ad avere il risultato definitivo,mentre bisognerà attendere per conoscere gli score di Oliver(Gbr) e Godfrey(Usa).
In settima posizione troviamo il cileno Berrios con -4,mentre sono in quattro giocatori a dividersi l’8° piazza con  in due hanno già completato il percorso,Nash(Usa) e Perrone(Arg), mentre con il recupero di domani conosceremo il risultato di Mendive(Arg) e Cohmanschi(Usa).
Fuori dalla Top20 troviamo giocatori che nei prossimi giorni avremo sicuramente modo di notare come l’inglese Iron(110° posizione),gli svizzeri Jacot(25°) e Mancino(57°), il campione del mondo uscente Lengyel (38°) e lo stilosissimo Koja Imamura che ha già vinto la World Fashion Footgolf Cup!
Nella giornata del 7 gennaio spazio inizialmente ai recuperi e poi si parte con la gara a squadre,seguiteci sulla pagina facebook di FootGolf In Italia per ricevere aggiornamenti costanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...